IL MADE IN ITALY SI FA A NAPOLI: perché non se ne parla?

Il vero polo della produzione artigianale di borse, pellami e tutti
gli articoli correlati è a Napoli,
ma questo è un tema di cui non si parla molto.

Perché non se ne parla?

Per diversi motivi, tra cui la guerra intestina
che, in questo momento, investe il settore in questione.

Ma andiamo con calma:

Perché Napoli è tra le città più “potenti” nella produzione?

  1. Perché qui c’è il Know How, ossia la Conoscenza della materia,
    dovuta alla nostra storicità nel settore.
  2. Perché a Napoli permane tuttora, nella maggioranza dei casi,
    una manodopera italiana; a differenza di altri centri di
    produzione come per esempio Firenze, nella quale la forza
    lavoro è incarnata principalmente dai cinesi
  3. Perché le persone hanno ancora voglia di investire e di
    lavorare a Napoli, nonostante non sia un territorio facile in cui
    radicare la propria produzione.

 

A Napoli è in atto una vera e propria rivoluzione nel settore:
è la nostra città a dettare i tempi del Made in Italy in tutto il paese.

Prima si pensava che questo avvenisse per i prezzi bassi,
ma ora sappiamo che non è così: gli stessi prezzi si possono
trovare a Napoli, come in Veneto.
La verità è che nel nostro territorio sappiamo “come” produrre.

Purtroppo questa verità, come dicevamo prima, non è conosciuta…
addirittura è, spesso, celata.
Ed è nascosta dalle stesse aziende di produzione.
Questo, a mio parere, accade perché è in atto la guerra intestina a
cui accennavo qualche riga fa.
E in guerra, si sa, ognuno provvede a fortificare le proprie difese e
a conservare le provviste.

A chi interessa, in questo caso, mettere in luce la bella realtà di
Napoli? a nessuno.

PERCHE’ LA GUERRA INTESTINA?

Le grandi aziende stanno cercando di accaparrarsi fette sempre
più ampie di territorio, in cui estendere la propria produzione.
Questo comporta una ricerca più frenetica di manodopera
specializzata, di conoscenza del mestiere.

Ma quest’ultima è, numericamente, scarsa.
Manca la formazione delle nuove generazioni, per cui se i pesci
sono pochi, i pescatori diventano astuti e…nemici.
Esiste un gap enorme quindi tra il bisogno di artigiani specializzati e
la reale formazione esistente.

Per cui la Rivoluzione si sta giocando in tre campi diversi:

  1. La ricerca di manodopera specializzata e la creazione di nuovi
    strumenti di conoscenza
  2. Il cambiamento della mentalità imprenditoriale circa il
    rapporto coi dipendenti e l’investimento monetario che necessita
    il Know How
  3. La volontà di investire in questo territorio, nonostante tutte le
    difficoltàCerto, i timori sono ancora forti e questo provoca la
    generazione di Monopoli, visto che i nuovi investitori sono
    titubanti. Ma anche questo sta cambiando

Per cui quando siete nel bel mezzo di una discussione, non abbiate
paura di menzionare anche la Produzione e l’artigianato tra i
nostri primati.
Buttiamo a terra i muri e i mandolini che ci vogliono recintare in
capsule e pregiudizi.

Continua a seguirmi sulla mia pagina facebook >> Ornella Auzino

Seguimi sul mio canale YouTube >> Ornella Auzino

 

Ornella Auzino

2 pensieri riguardo “IL MADE IN ITALY SI FA A NAPOLI: perché non se ne parla?

  • 03/12/2018 in 9:53
    Permalink

    brava! ci vorrebbero però nomi e dati per far valere questo articolo.
    MF

    Risposta
    • 03/12/2018 in 11:05
      Permalink

      Grazie 🙂
      Sono anni che mi batto per la certificazione della filiera, in modo che si indichino chiaramente nomi e cognomi, o comunque i dati di dove si produce.
      Bisogna però che non sia la sola a volerlo. Confido che in molti vogliano la stessa cosa che voglio io. Parlare della pelletteria napoletana di eccellenza <3

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *