BORSA MARIOBAG, BORSA DI PELLE MADE IN NAPOLI. LA RECENSIONE

La borsa MarioBag lab è la nuova borsa di pelle della mia collezione. Ed è Made in Napoli!

Siccome NON PRENDO SOLDI per parlare di borse e le mie recensioni non sono sponsorizzate da nessun marchio, riesco ogni volta ad essere quanto più obiettiva, sincera e appassionata.

Ma quando si tratta di produzione e artigianato napoletano, gli occhi (o meglio, le parole!) mi brillano sempre un po’.

Del resto, l’amore per la mia terra è il segno che voglio lasciare su questo mondo.

Troppo romantica? Normalmente non lo sono. Ma Napoli è un’altra cosa.

C’è da dire che la mia borsa MarioBag lab non è un prodotto che posso promuovere a pieni voti. E, tra pochissimo, scoprirai il perché.

Ho scoperto il brand Made in Napoli grazie ai miei viaggi su instagram, un social che mi permette di scrutare bene foto e dettagli delle borse; andare alla ricerca dei piccoli marchi o dei laboratori artigianali non è solo una passione, ma è il mio modo di contribuire alla crescita del nostro Made in Italy.

Per questo, scelgo di comprare con i miei soldi le borse delle mie recensioni: noi consumatori abbiamo il grande potere di “fare giustizia” tramite i nostri acquisti, cioè di premiare Chi lo merita.

Ed io scelgo di premiare i marchi che mi parlano della provenienza, del lavoro che c’è dietro le borse e della storia che le ha viste nascere. Per poi scoprire, tramite l’analisi tecnica, se c’è anche la qualità che cerchiamo.

Vorrei che questo blog e il mio canale youtube siano per te una guida per i tuoi acquisti. Per questo, ti porto con me in ogni borsa che compro.

Il tuo acquisto consapevole è l’arma più potente contro il marcio che si nasconde nella produzione. Proprio così.

  • Dalle fabbriche invisibili, con le loro produzioni scadenti e poco-legali, fino alla grande piaga della contraffazione, il Made in Italy e la sua qualità sono costantemente messi in pericolo.

Ogni giorno, guadagni i tuoi soldi grazie agli sforzi e ai sacrifici che ti vengono richiesti. Ed è giusto che i prodotti che compri rispecchino i tuoi valori.

Boicotta il mercato del falso. Boicotta chi non ti da informazioni sulle borse che scegli. Boicotta chi specula sui tuoi “desideri”.

Come al solito, mi sono dilungata. Scusami!

Ma questa è la mia lotta. E non guadagno un centesimo, se non il tuo consenso: siamo sempre più numerosi e questo mi riempie di gioia!

… Perché, insieme, possiamo cambiare qualcosa. Anche se ci vorrà un po’ di tempo.

Io sono un’imprenditrice e produco borse di pelle Made in Italy collaborando con alcuni marchi famosi. Il mio lavoro e la mia azienda assorbono gran parte delle mie energie.

Ma riesco sempre a trovarne altre per la battaglia che ho scelto; perché mia figlia, la persona più importante della mia vita, si merita una Comunità migliore di questa.

Un sistema più sano e più sincero.

Mi sto impegnando da tempo per creare a Napoli una scuola di pelletteria degna delle nostre storiche competenze artigianali e basata sul trasferimento delle conoscenze, dai maestri del settore ai giovani che non vogliono fare la valigia verso futuri incerti.

Se sei con me, condividi quest’articolo e raccontiamo assieme le belle storie della nostra terra.

Dicevamo.

Ho conosciuto MarioBag lab grazie ai social; sono rimasta subito affascinata dalla pelle che celebra ogni fotografia, dai posti di Napoli che fanno da cornice e dai colori delle borse.

Così ho scelto di acquistare una borsa MarioBag lab.

Purtroppo, il marchio non possiede un e-commerce, né si appoggia ad un portale di vendita. Per cui, ho scritto in privato al proprietario per mostrare la borsa scelta e poter ricevere i riferimenti per il pagamento.

Ammetto che questo processo è un po’ scocciante per chi vuole comprare: è un fattore che rischia di penalizzare il marchio circa le potenzialità di vendita.

Tuttavia è una caratteristica che ho ritrovato spesso nei piccoli marchi, sia quelli di nicchia, sia quelli emergenti.

Consiglio sempre, infatti, di investire maggiormente su una piccola piattaforma e-commerce. Poiché può sembrare un punto secondario ma non lo è.

MarioBag lab ha aperto uno showroom molto eclettico; l’ho potuto ammirare in alcune stories di instagram: accessori, sia maschili che femminili, in pelle e in tessuto, che propongono tagli classici e minimali, assieme a scelte stilistiche più azzardate e fantasiose. Insomma, un repertorio molto ricercato, in linea con l’arte napoletana.

Infatti, la filiera di MarioBag lab è per lo più partenopea, a partire dalla fornitura della pelle, fino agli artigiani che producono le borse.

Sei pronta a vedere da vicino la borsa che ho scelto?

BORSA MARIOBAG LAB: ECCO LA MIA SCELTA!

BORSA MARIOBAG

Ho ordinato una borsa di pelle blu, con tracolla rimovibile e molto capiente.

L’ho pagata 120,00 euro più iva e spedizione, per un totale di 146,00 euro.

Da consumatore, preferirei che il marchio mi proponesse fin dal principio un prezzo unitario: si tratta di piccoli consigli-accessori che mi sento di dare ai marchi di nicchia che si fanno spazio sul mercato.

Una nota negativa che ho il dovere di sottolineare è la mancanza della descrizione dei prodotti nelle foto proposte sui social, che sono forse i principali canali di vendita: dare per scontato che il pubblico conosca il tipo di borsa (o di pelle) è un errore, sebbene in questo caso sia fatto in buona fede, dal momento che  la produzione artigianale porta con sé alcune garanzie importanti.

VEDIAMO I DETTAGLI DELLA MIA BORSA MARIOBAG LAB:

  • La borsa mi è arrivata in una scatola “riciclata”, cioè in una confezione che non appartiene al marchio, ma ad un’azienda alimentare. Questo aspetto ha un doppio taglio: da un lato, è una scelta sostenibile; dall’altro, penalizza molto l’identità e l’immagine del marchio.
  • Assieme alla borsa, è arrivata una flanellina non logata.
  • La pelle della borsa mi fa impazzire: morbida al tatto e dal colore molto intenso. Ho scoperto, inoltre, che il fornitore di pelle di Mariobag è Martina Esposito, patrona dell’azienda Pellami Esposito e giovane napoletana piena di energie. Qualche tempo fa ho avuto il piacere di conoscerla e intervistarla!

BORSA MARIOBAG

  • La chiusura principale è fatta con la doppia-zip, cioè si apre da un lato e dall’altro. È utile!

BORSA MARIOBAG

  • La borsa non ha alcun logo, né all’interno né all’esterno: questo dettaglio non mi piace! Ho molte borse nella mia collezione e mi fa piacere sapere da chi sono state create quando scelgo di indossarle. Inoltre, è un’ulteriore mancanza di identità.
  • La tracolla rimovibile “gratta” un po’ sotto mano, quindi sento la presenza di una tintura un po’ approssimativa, ma nel complesso la tintura dell’intera borsa è ben fatta. Quindi è un difetto che riguarda solo la tracolla.
  • All’interno, trovo una fodera dalla fantasia mimetica che non mi aspettavo! Non è male; trovo una tasca grande con zip, con la scritta genuine leather (vera pelle) e due taschini più piccoli sul lato opposto.

BORSA MARIOBAG

  • All’interno trovo anche alcuni fili di cotone sparsi qui e lì, non attaccati alla borsa: senza dubbio sono caratteristiche del lavoro artigianale, ma a mio parere sono evitabili, con un po’ di attenzione in più per i dettagli.

BORSA MARIOBAG LAB: LA MIA BORSA È PROMOSSA?

Siamo di fronte ad un lavoro artigianale che si costruisce sulla nostra cultura storica del fare con le mani, dando sostanza al prodotto; una borsa in vera pelle che non tralascia la qualità dei materiali.

Un progetto, quello di MarioBag lab, che tuttavia manca della cura per i dettagli e dell’attenzione verso il cliente, a partire dalla mancanza della descrizione del prodotto, fino al packaging .

Si tratta di una realtà piena di grandi potenzialità, pronta a portare il Made in Italy verso l’eccellenza che merita, ma che è frenata dai propri limiti: forse economici, forse di organizzazione.

La mia borsa è promossa per la sua qualità rapportata col prezzo, e per il pensiero strutturato che la precede. Ma con un “rimando a settembre” per le regioni spiegate.

Del resto, sostenere i marchi del mio territorio significa anche fare critiche utili per la loro crescita. Sono certa che Mario sarà pronto a raccoglierle e farne tesoro, nonostante tutto.

Perché io sto dalla sua parte!

Se anche tu vuoi far crescere i nostri comparti produttivi e valorizzare la produzione delle nostre aziende, continua a seguirmi!

Insieme, andremo alla ricerca di nuove borse e nuove storie da raccontare!

VOTI (0/5)

CUCITURE 4
TINTURA 4
RIFINITURE 2
RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO 3 1/2
UTILITÀ 4 1/2

GUARDA IL VIDEO DELLA MIA RECENSIONE ALLA MARIOBAG LAB!

SCRIVI QUI SOTTO PER SUGGERIRMI UN’ALTRA BORSA DA ESPLORARE!

GRAZIE PER IL TEMPO CHE MI HAI DEDICATO.

borsa mariobag

 

LEGGI ANCHE:

BORSA A PICAGETTA, NATA DAGLI STROFINACCI DELLA NONNA. LA RECENSIONE 

UASHMAMA: LA BORSA IN CARTA LAVABILE. LA MIA RECENSIONE 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *