CONTRAFFAZIONE: IL GIRO D’AFFARI PIÚ PERICOLOSO DEL MONDO. PERCHÈ?

Il Mercato della Contraffazione solo in Italia causa una perdita di 935 milioni di euro, ogni anno.

Si tratta di una cifra esorbitante che non danneggia solo le casse dello Stato, ma tutta la nostra Comunità. Ogni singola famiglia, ogni giorno della nostra vita.

Ma si tratta anche di un argomento di cui sentiamo parlare poco. Un fiume secondario, lento e potente, che scorre da decenni nel nostro sistema economico, inquinandolo. Senza preoccuparsi molto di nascondersi.

Quello della Contraffazione è Il mercato più pericoloso del pianeta. E, oggi, ti spiegherò il Perché.

Ti rivelerò cose a cui non hai mai pensato. Forse, impossibili da immaginare.

È da molto tempo che va avanti la mia lotta contro il Mercato del Falso, ed è molto tempo che parlo dei danni catastrofici ad esso collegati, sebbene sia un argomento quasi di nicchia, che non crea folle di sostenitori o fanpage “esplosive”.

Sì, perché parlare della Contraffazione non è comodo. E neanche fashion.

Ma io sono una lavoratrice. Ogni mattina mi alzo dal letto con nuovi sogni e nuovi progetti per la mia azienda. Lavoro in un settore che è duramente colpito dal mercato del falso, da sempre: produco borse di pelle conto terzi, secondo gli standard della scuola Made in Italy, e nel cuore della pelletteria napoletana, grata a tutta la sua storia artigianale.

contraffazione
La mia azienda

Potrei andare avanti con le mie produzioni e godere dei miei successi; potrei non curarmi di tutto il marcio che mi gira attorno. E potrei canticchiare una canzone stonata ogni volta che sento parlare di Borse False e di … “Quanto sono identiche all’originale, ma molto più convenienti!”.

Potrei, ma non voglio.

E sono certa che anche tu sarai d’accordo con me tra poco! Perché ti dirò Cosa Succede ogni volta che compri un prodotto contraffatto.

La Contraffazione è un mercato che riesce a toccare centinaia di settori differenti, che riesce a far girare somme impensabili di denaro contante, che atterra nei porti e nelle tasche delle città più prestigiose del mondo.

In sostanza, è un Mercato parallelo a quello legale, con una vita propria e funzionante. Un mostro che vive nell’ombra e non fa altro che accrescerla.

Ogni anno la contraffazione genera perdite pari a 15 miliardi di euro nelle entrate dei bilanci dei governi Ue.

A dirlo è la stima dell’Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo), riportata nella relazione 2020 sullo stato delle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale (Dpi) che comprende le indagini dell’Ocse e dell’Ufficio Ue dei brevetti (Ueb).

(fonte: Ansa)

contraffazione

Cosmetica, giocattoli, abbigliamento, borse e molti altri articoli di uso quotidiano vengono regolarmente contraffatti, stoccati e rivenduti nelle città di tutto il mondo.

Chi c’è dietro a un meccanismo così vasto e ben collaudato?

Chi ha il potere di manovrare così tanti soldi e farli sparire Chissà dove?

Ovviamente, la Criminalità Organizzata.

A questo proposito, voglio parlarti di una notizia che pare non avere nulla a che fare con la Contraffazione. E pure, non è così.

Seguimi per qualche secondo e capirai dove si cela il legame più oscuro e preoccupante di tutto il Sistema.

Circa un mese fa, all’interno del porto di Salerno è avvenuto uno dei più grandi sequestri di droga: la Guardia di Finanza ha recuperato 84 milioni di pasticche da un container proveniente da uno dei Paesi della Guerra, la Siria.

Questa notizia l’ho ascoltata sul canale youtube Breaking Italy, curato da Alessandro “Shy” Masala, un giovane youtuber che seguo con piacere.

Le anfetamine sequestrate, se vendute, avrebbero prodotto un guadagno pari a un miliardo di euro. Un miliardo di euro. Hai ben chiara questa cifra?

Sinceramente, io ho dovuto lavorarci qualche secondo per concretizzare l’idea!

Queste sostanze hanno immediatamente preso il nome di “droga dell’Isis”, vista la provenienza. Senza dubbio, un nome del genere ha un effetto mediatico sensazionale. Giornali e Tv ci hanno sguazzato alla grande, contro il nemico straniero che produce droghe onnipotenti e che “predica” bene, ma razzola male. E blablabla.

Ma, tra tutti gli spot e le mezze verità, esistono anche punti fermi:

LA PRODUZIONE E IL COMMERCIO DI DROGA, COSÍ COME LA PRODUZIONE E IL COMMERCIO DI ARMI, RAPPRESENTANO DA SEMPRE UN MERCATO FLORIDO CHE UNISCE LE COSCHE CRIMINALI DI TUTTO IL MONDO.

Le mafie non fanno discriminazioni di razza, religione e sesso. Sono unite in nome di un solo dio: il denaro. E il potere che ne deriva.

Ebbene: DA DOVE PROVENGONO TUTTI I SOLDI CHE SERVONO AL MERCATO DELLA DROGA E DELLE ARMI?

QUAL È IL PRIMO SOSTENTAMENTO DEL SISTEMA CRIMINALE?

La risposta a queste domande è ciò che cambierà per sempre il Tuo Modo di fare acquisti.

Il Sistema Criminale sostiene le sue Finanze soprattutto grazie alla Produzione. Tessile, Manifatturiera, Agro-alimentare e di altro genere. PRODUZIONE ILLEGALE.

Ossia, il business principale delle Mafie è proprio il Mercato della Contraffazione.

Probabilmente, non si tratta del mercato più redditizio, dal momento che la mercificazione di stupefacenti ha un margine di guadagno più alto, ma senza dubbio la Contraffazione è quello più rassicurante. Perché a largo consumo, in costante crescita e meno “perseguitato” dalle Istituzioni.

Questo significa che ogni volta che compriamo una borsa falsa, un orologio, un gioco per nostro nipote, un portafogli, un tappeto, un tenda per casa, o un paio di calzini… STIAMO SOSTENENDO ECONOMICAMENTE UN SISTEMA CRIMINALE OMICIDA, che:

  • Traffica armi e fomenta le guerre nei paesi in via di sviluppo, nei quali centinaia di innocenti muoiono ogni giorno.
  • Produce droghe pesanti di bassa qualità che danneggiano adolescenti di tutto il mondo, contribuendo alle dipendenze più pericolose.
  • Assolda manodopera a basso costo, riducendola in semi-schiavitù, senza contratto di lavoro, né diritti di alcun genere.
  • Dissemina rifiuti aziendali senza alcun controllo da parte degli organi competenti, dal momento che si tratta di fabbriche fantasma, ubicate in luoghi poco frequentati.

… E, soprattutto, un Sistema Criminale che toglie Lavoro e Speranza a tutte le Nostre Aziende Oneste.

Interi comparti produttivi del Made in Italy vengono messi con le spalle al muro, minacciati da un mercato a basso costo, senza scrupoli, né amore.

È QUESTO IL MONDO CHE VUOI?

CONTRAFFAZIONE: LA TUA ARMA È INFORMARTI!

contraffazione

Come porto avanti la mia lotta contro la Contraffazione?

Raccontando storie.

Esatto, proprio così!

Come ti ho anticipato, mi occupo di produzione nell’ambito della pelletteria. Ma le borse, oltre ad essere il mio lavoro, sono la mia passione più grande.

Ne ho sempre comprate tantissime. Dai modelli più classici, a quelli più colorati e stravaganti, fino alle borse da lavoro e alle pochette per le serate più mondane.

E non immagini Cosa si nasconde dietro ogni singola borsa!

Storie di uomini e donne coraggiosi, che contro ogni parere e statistica, hanno dato vita a marchi meravigliosi, pieni di estro e di innovazione.

E ancora, artigiani esperti e innamorati degli accessori, che nelle stanze intime delle proprie fabbriche, insegnano ai nipoti l’arte del Fare con le Mani.

RACCONTO LE STORIE CHE SI NASCONDONO DIETRO LE BORSE E I LORO “CREATORI”, NELLE MIE RECENSIONI ALLE BORSE.

Credo profondamente che conoscere la storia di un prodotto significa dare un valore differente al nostro acquisto, che diventa più consapevole, più prezioso, più vicino ai nostri sentimenti.

Parlarti dei marchi onesti della produzione e delle avventure creative che danno vita alle borse è come aprire una finestra su un mondo che, finora, è stato solo il retroscena delle vetrine in centro.

In questo modo, anche tu potrai entrare nell’anima dei progetti, respirarne la qualità e la fantasia…per poi sceglierli.

Molte volte mi è capitato di comprare una borsa per la sua storia, più che per il suo design. E non ti nascondo che, oggi, quelle stesse borse sono gli accessori a cui sono più affezionata.

NESSUNO MI PAGA PER PARLARE DELLE BORSE, NÈ PER FARE RECENSIONI. SU QUESTO SONO CATEGORICA.

NON ACCETTO SOLDI DA NESSUN MARCHIO, PERCHÈ LA MIA PRIORITÀ È SENTIRMI LIBERA, IN UNA LOTTA CHE HO SCELTO E CHE SONO PRONTA A PORTARE AVANTI DI TASCA MIA.

Per cui, l’unica cosa che ti chiedo, cara amica e lettrice, è di condividere queste informazioni.

Di parlare alle persone che conosci: raccontare la bellezza della Filiera Legale e dei danni della Contraffazione.

Ti chiedo poi di RIFLETTERE molto, prima di acquistare una borsa: informarti circa la provenienza, cioè dove è stata prodotta e da Chi. Questo sarà  il tuo sostegno alla mia lotta. E a quella dell’intera Comunità.

Che sia una borsa creata dall’artigiano sotto casa tua, oppure un accessorio firmato da un nome famoso…COMPRA SEMPRE BORSE ORIGINALI E BOICOTTA IL MERCATO CRIMINALE!

Ti ringrazio enormemente! Se ti va, condividi quest’articolo con le tue amiche e, soprattutto, dammi la tua opinione: LE TUE PAROLE SONO IMPORTANTI PER ME!

GUARDA IL MIO VIDEO SU YOUTUBE!

SCRIVI QUI SOTTO PER DIRMI COSA NE PENSI, OPPURE PER SUGGERIRMI ALTRI ARGOMENTI DI CUI PARLARE INSIEME!

GRAZIE PER IL TEMPO CHE MI HAI DEDICATO.

 

contraffazione

LEGGI ANCHE:

NAPOLI: REGINA DELL’ARTIGIANATO E PREDA DELLA CONTRAFFAZIONE. COSA È SUCCESSO?

LE FABBRICHE INVISIBILI MINACCIANO IL MADE IN ITALY: COSA FARE?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *