BORSA PLINIO VISONÀ: LA MIA RECENSIONE AL BRAND “MADE IN VENETO”

Oggi ti racconto la mia Borsa Plinio Visonà, un accessorio della pelletteria Made in Italy. Una pelletteria che ha saputo uscire dai propri confini per arrivare a farsi spazio in ben 45 paesi del mondo, fino agli store dei mercati asiatici.

Com’è la mia borsa Plinio Visonà?

È un prodotto di qualità?

Benvenuta nella mia Nuova Recensione. Se già mi conosci, sai quanto amo raccontare le storie dei marchi che scelgo di acquistare.

Se non mi conosci, allora lo scoprirai presto!

Scoprirai la mia passione per le borse, per il nostro artigianato e per la produzione Made in Italy: da qui, l’idea di fare Recensioni alle borse che acquisto, per mostrarti da vicino i loro dettagli, le loro mancanze e l’identità di ogni singolo marchio.

NESSUNO MI PAGA PER PARLARE DELLE BORSE, NÈ ACCETTO REGALI DA ALCUN BRAND: ho scelto di farlo per condividere con te la mia esperienza nell’ambito della pelletteria.

Sono un’imprenditrice e produco borse Made in Italy conto terzi, portando avanti l’azienda che i miei genitori hanno creato qualche decennio fa, sulle orme del nostro artigianato e la sua preziosa storia.

borsa plinio visonà

Le borse, dunque, oltre ad essere la mia passione, rappresentano il mio lavoro. Informarti su come sono strutturate, sui loro punti di forza e sulle imperfezioni è un modo per camminare, insieme, verso un acquisto consapevole, in cui non conta solo il prezzo, la tendenza e la firma, ma piuttosto la storia, le mani che l’hanno prodotta e la sua forza nel mercato legale.

PERCHÈ PARLO DI MERCATO LEGALE?

Perché, a mio parere, una delle piaghe più dannose del nostro sistema produttivo è l’acquisto illegale, cioè il mercato della contraffazione.

Comprare borse che provengono dalla Filiera legale (e magari certificata!) significa, in poche parole, combattere la Criminalità, la madre indiscussa della merce contraffatta.

SEI CON ME IN QUESTA BATTAGLIA?

Beh, spero proprio di sì, Perché ho bisogno di te!

Dopo un po’ di tempo, finalmente, posso ricominciare a fare ciò che amo: parlare delle borse e portarti con me nelle mie esplorazioni.

Purtroppo, l’emergenza legata al Covid-19 ha bloccato, in parte, anche la mia attività in rete; per cui, adesso, abbiamo l’obbligo quasi morale di ripartire. E farlo con tutta l’energia che possiamo dare: non sono tempi facili. Molte di noi, indirettamente, stanno accusando i colpi di un periodo molto difficile.

Probabilmente, senza rendercene conto, ci portiamo dietro reazioni psico-fisiche poco chiare, che ci appaiono bizzarre e fuori dal nostro controllo.

Ed è per questo che bisogna riavvicinarsi. Il confronto, il ritorno al dialogo e alla condivisione potranno essere una cura per ognuna di noi.

Per cui, riprendiamo il nostro viaggio nel mondo delle borse e facciamolo partendo dalle radici: il Made in Italy.

BORSA PLINIO VISONÁ: UNA STORIA FAMILIARE

La mia borsa Plinio Visonà è un prodotto che nasce dalla pelletteria italiana e che affonda le radici della nostra cultura artigianale.

Plinio Visonà è un artigiano nato a Vicenza, appassionato di creazione e moda, che darà i natali alla propria azienda nel 1959.

La maison che porta il suo nome diventerà un’impresa a conduzione familiare, in cui la nuova generazione spingerà l’arte della tradizione a confrontarsi con un nuovo disegno, cosmopolita e innovativo.

Siamo di fronte ad un’azienda molto radicata nel territorio veneto; un marchio che per più di cinquant’anni ha mantenuto in vita la filosofia del Made in Italy, adoperando la pelletteria tradizionale per creare il nuovo: non è difficile trovare, infatti, nei prodotti della casa di moda un mix di materiali che mette in risalto i contrasti e la ricerca.

La mia borsa risponderà ai veri standard di qualità del Made in Italy?

Il sito del brand mi ha colpito particolarmente: molto curato, e ottimo narratore delle sue borse, la cui produzione viene resa intima da video e foto che mostrano gli artigiani a lavoro.

Uno dei miei sogni è proprio questo: dare luce e visibilità alle centinaia di artigiani che popolano le nostre fabbriche. Far capire a Chi compra che dietro ogni singolo prodotto ci sono delle mani reali e intere famiglie.

Al di là di immagini da repertorio (e pubblicitarie), sarebbe meraviglioso permettere a Chi vuole di entrare nelle nostre stanze e vivere la produzione in tutti i suoi odori.

Quando sentiamo la parola Filiera, spesso non ci rendiamo conto di quanto sia umana la sua dimensione.

Le borse Plinio Visonà hanno ricevuto diversi riconoscimenti dal mondo della moda e della produzione, soprattutto durante la fiera Mipel, uno degli eventi principali del mondo della pelletteria Made in Italy. E non solo:

2006 – Premio di qualità durante la 89 ° Mipel
2009 – Premio Innovazione durante il 96 ° Mipel
2015 – Premio MIPELissima durante il 107 ° Mipel
2017 – Premio PIGAFETTA per l’internazionalizzazione
2019 – Premio Creatività durante il 6° Mipel Korea

Nello stesso anno, nel 2019, il marchio Plinio Visonà aprirà due nuovi store nel mercato asiatico: uno a Seoul, in Corea presso lo Hyundai Department Store, e l’altro a Singapore.

Andiamo a vedere la vicino la mia borsa Plinio Visonà.

BORSA PLINIO VISONÀ: ECCO IL MODELLO CHE HO SCELTO!

borsa plinio visonà

Inizialmente, ero un po’ indecisa tra due modelli: se quello iconico, simbolo del brand, oppure il modello che, infine, ho scelto. La borsa Taormina.

Ho deciso di comprare il modello Taormina perché mi piaceva l’accostamento dei colori a contrasto, oltre al fatto che si tratta di un modello piuttosto estivo.

borsa plinio visonà

La mia borsa Plinio Visonà è costata 240 euro e l’ho ordinata direttamente dal sito. Mi è arrivata in pochi giorni.

È un Modello Taormina a righe sabbia:

  • 100% made in Italy
  • borsa a sacca di medie dimensioni
  • interno in nylon logato
  • tracolla removibile
  • tasca interna con zip
  • materiale in maglia effetto raffia con rifiniture in pelle di vitello in pieno fiore
  • colore: righe sabbia

Ho appena visto che sul sito la borsa è esaurita, ma che si può contattare l’azienda per eventuali esigenze.

Una delle cose che salta all’occhio è senza dubbio il tipo di cucitura: le maglie sono abbastanza larghe, quasi a diventare una specie di tessitura. Per cui, un vero e proprio accessorio nell’accessorio. Inoltre, il colore a contrasto rispetto al corpo della borsa, da sicuramente maggior risalto.

Questo tipo di cucitura, ho notato, è una caratteristica identitaria del brand, che ritroviamo in molti modelli, oltre che sulle etichette degli artigiani che lavorano in fabbrica, cucite sul grembiule.

Un altro aspetto particolare è l’apertura della borsa con cerniera: quest’ultima non è parallela alla borsa, come al solito. Ma perpendicolare. Cioè la lampo è verticale rispetto alla struttura della borsa.

borsa plinio visonà

Il modello a sacco che ho scelto vuole che le cuciture alla base della mia borsa non siano in vista, perché la borsa è cucita e poi risvoltata: mi riferisco alle cuciture della struttura… e non a quelle che abbiamo visto prima.

All’interno trovo una tracolla removibile: non sono molto brava a montare e smontare i “pezzi” delle borse che non conosco. Ma questa volta, devo ammettere, non è andata poi così male! È una tracolla abbastanza semplice da annettere.

ALTRI DETTAGLI:

  • La parte interna della mia borsa ha una fodera in nylon che riporta il logo del marchio; ha due taschini utili, oltre la tasca/mascherina più ampia che ripropone il logo nel colore dorato.
  • Anche la flanellina, cioè la sacca di stoffa nella quale riponiamo la borsa, è logata e molto semplice.
  • La mia borsa, dal taglio e dai materiali estivi, è molto leggera. E morbida.
  • La tracolla non da fastidio sotto mano (in gergo, diciamo “non gratta”, cioè non presenta difetti di tintura), anche se ho avvertito piccoli schizzi di tintura che si è seccata.
  • I manici della borsa sono simmetrici, quindi combaciano perfettamente. Inoltre, sono attaccati alla borsa in modo molto singolare: sono cuciti all’interno della cucitura della borsa.

borsa plinio visonà

Probabilmente la portabilità è un neo della borsa: se uso la borsa senza tracolla mi risulta difficile portarla in spalla, perché un po’ stretta. Mentre ha un’ottima vestibilità se a mano, oppure sull’avambraccio.

Nel complesso, la mia borsa sembra un prodotto ben fatto… MA PER CAPIRE SE REALMENTE È UN PRODOTTO DI QUALITÀ, DOVRÓ USARLA E TESTARE LA SUA RESISTENZA!

DOVRÓ CAPIRE SE È UN PRODOTTO CHE VALE IL SUO COSTO.

Seguimi e ti farò sapere come mi sono trovata con la borsa Plinio Visonà!

I VOTI

CUCITURE 4
TINTURA 4
RIFINITURE 4
QUALITÀ/PREZZO 5
UTILITÀ 4

SCRIVI QUI SOTTO PER SUGGERIRMI UN’ALTRA BORSA DA ESPLORARE, OPPURE PER RACCONTARMI LA TUA ESPERIENZA CON UNA BORSA PLINIO VISONÀ!

GUARDA IL MIO VIDEO ALLA RECENSIONE DELLA BORSA PLINIO VISONÀ!

borsa plinio visonà

GRAZIE PER IL TEMPO CHE MI HAI DEDICATO.

LEGGI ANCHE:

BORSA DOROTHY: LA MIA SCOPERTA AL MERCATINO DI NAPOLI

BORSA SORELLA GIANFRATE: DALLA PUGLIA, UNA POCHETTE MADE IN ITALY

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *