BORSA POLO RALPH LAUREN. AMORE A PRIMA VISTA? LA MIA RECENSIONE

Ho comprato una borsa Polo Ralph Lauren e te la “racconto” in questo post.

Cosa mi ha spinto all’acquisto?

Beh, sicuramente la curiosità verso questo marchio, e soprattutto verso il suo fondatore: uno degli uomini più celebri del fashion system mondiale.

La vita di Ralph Lauren è una di quelle cose che ti spingono a sognare, ancora.

È incredibile la storia che lo ha portato a diventare tra gli uomini più ricchi del mondo (al 158° posto) secondo la rivista Forbes, con un patrimonio di 7.2 miliardi di dollari.

Eppure Ralph Lifschitz, era un ragazzino del Bronx di New York. Un ragazzino ebreo, immigrato con la famiglia dalla Bielorussia.

Un ragazzo che ha scelto, insieme al fratello Jerry, di cambiare cognome all’età di 16 anni.

L’adolescenza non è mai una cosa facile. Ancor di più se vieni da un quartiere ostinato e vivi l’esclusione dei tuoi coetanei.

Ralph Lauren, classe 1939, non ha mai frequentato scuole di moda o di design, ma come lui stesso afferma alla rivista TheMillionarie “Sapevo di avere qualcosa dentro di me. Ma non capivo cosa”.

È questa spinta interiore che lo porterà, all’età di 24 anni, a lavorare nei negozi Brooks Brothers, come addetto alla vendita. Ma fu un periodo breve perchè il giovane del Bronx voleva “creare” qualcosa di suo.

Probabilmente, spiega lo stilista, l’ardore creativo lo aveva ereditato dal padre, il quale, per lavoro, tinteggiava pareti: “Guardavo i suoi lavori e sentivo che erano speciali”.

L’arte, dunque, era nel sangue. E i sogni ben piantati in testa.

Così, Ralph Lauren decise di creare una linea di cravatte, secondo la sua visione dello stile, molto lontana dai trend dell’epoca: le sue cravatte erano larghe e super colorate. Stravaganti a quei tempi.

Quando le presentò ad un’azienda per proporre una produzione, rifiutarono l’affare. Ma, dopo poco, Lauren riuscì a trovare un investitore: era il 1967 e le sue cravatte vennero, finalmente, realizzate.

Tuttavia, quando presentò il prodotto al  buyer della catena Bloomingdale’s (una nota catena americana di negozi), quest’ultimo gli propose di modificarle e venderle senza il marchio Ralph Lauren Corporation. Il giovane stilista si rifiutò.

Ma dopo qualche mese, arrivò la telefonata che stava aspettando: le cravatte sarebbero state esposte nei magazzini Bloomingdale con il nome Ralph Lauren. Ne furono vendute 500 mila. Un successo.

Questa fu la prima tappa di un cammino denso di successo, che porterà Lauren fino ad Hollywood, a vestire il Grande Gatsby , e nelle stanze della Casa Bianca.

E ancor di più, porterà il marchio Ralph Lauren ad essere il punto di riferimento di tutto il lifestyle americano.

  • Nel 1969 Ralph Lauren apre una boutique per uomo al Bloomingdale’s di New York;
  • Nel 1970 gli viene assegnato il premio Coty per i disegni di abbigliamento maschile;
  • nel 1971 crea una linea per donne.

Ma sarà il 1972 a dare vita ad uno degli elementi più significativi del brand: il logo che ritrae il giocatore di Polo a cavallo, lo sport più amato dallo stilista.

Il logo fu riprodotto sulla camicia da donna a mezza manica, dal taglio piuttosto maschile e disponibile in 24 tonalità di colori differenti.

Quello di Ralph Lauren è uno dei loghi più identificativi della storia della moda, che individuerà un mercato ben preciso, quello della moda di lusso.

Il brand dello stilista americano non ha solo presenziato le scene dell’alta moda, ma l’ha creata: è stato Ralph Lauren, infatti, a dare vita allo stile Preppy, ispirato alle Preparatory School, cioè le scuole che aprivano il cammino ai prestigiosi college americani.

Lo stile preppy metteva assieme l’eleganza delle uniformi scolastiche alla sportività di altri elementi, rubati ai look delle divise delle squadre sportive.

Negli anni ’80 e ’90 il marchio Ralph Lauren si estese a dismisura, con l’apertura del primo flagship a New York e le conseguenti boutique che nascevano in tutto il mondo, da Londra fino al Medio Oriente.

Il marchio made in Usa non si è fermato all’abbigliamento, ma ha esteso la produzione in diversi settori: oggetti di arredo – occhiali da sole – fragranze profumate – luci da interni – tappezzeria e molto altro.

Ci sono, inoltre, tre ristoranti (New York, Parigi e Colorado) e un bar (New York) firmati Ralph Lauren.

Siamo di fronte ad un uomo di successo, con i suoi amori e le sue passioni;  un uomo semplice con una visione complicata; un uomo che si è sposato due volte e ha avuto tre figli; un collezionista di auto eleganti, tra cui le Ferrari; un filantropo. Ma soprattutto, una persona che ha creduto veramente nel suo sogno, fino a farlo esplodere e a renderlo un impero.

Solo uno dei suoi tre figli, David Lauren, ha proseguito le orme del padre, facendo carriera nell’azienda di famiglia. Mentre Andrew Lauren ha scelto di essere un produttore cinematografico, e Dylan Lauren è il proprietario del negozio di caramelle di New York City Candy Bar di Dylan.

Una vita piena e rumorosa quella di Ralph Lauren, che ha dato le dimissioni nel 2015 all’età di 75 anni, 48 dei quali spesi nelle mura invisibili della sua azienda. Ha passato lo scettro a Stefan Larsson, ex manager di H&M, che adesso si occupa della gestione.

Non credi che conoscere la Storia che si nasconde dietro un marchio te lo faccia vedere con occhi diversi?

Io penso di sì. Forse perchè amo le storie. Ancora di più, quelle che riguardano la produzione.

Io mi occupo di produzione conto terzi di borse Made in Italy, seguendo la scuola della Pelletteria Napoletana. La mia azienda è a conduzione familiare, e ho imparato tutto dai miei genitori.

Però, come tutti i piccoli che crescono, ho iniziato ad avviare i miei progetti personali. Ed anche le mie lotte.

Le due cose sono legate. Perché?

Beh, perchè la mia lotta principale è alla Contraffazione e al mercato illegale che la mantiene in vita.

E il progetto che “uso” per combatterla sono le Recensioni alle borse originali che pubblico su questo blog, oltre che sul mio canale youtube.

Le recensioni mi servono ad informarti sui brand, sulla loro storia e sulla bellezza degli acquisti originali, oltre che sulla qualità della borsa.

Ciò che scrivo serve a comunicare la necessità degli acquisti legali.

E NESSUNO MI PAGA PER FARLO: È UNA SCELTA PERSONALE, SENZA SCOPO DI LUCRO.

Quando compri una borsa falsa, stai dando i tuoi soldi ai criminali e alle mafie.

Quando scegli una borsa onesta stai dando i tuoi soldi ai piccoli brand che vivono grazie a questo.

Per cui, compra le tue borse dall’artigiano di quartiere, oppure dai marchi on-line che preferisci. Ma scegli sempre di comprare le BORSE LEGALI e ONESTE.

Andiamo a vedere la mia borsa Polo Ralph Lauren.

ECCO LA MIA BORSA POLO RALPH LAUREN

Ho comprato la mia borsa Polo Ralph Lauren direttamente sul sito ufficiale del brand e l’ho pagata 179 euro.

Personalmente, ho sempre preferito borse grandi e capienti, che possano contenere tutto il necessario per la giornata. Ti assicuro che la mia giornata è molto lunga!

Ma sono certa che mi capisci. Tra il lavoro, la spesa , le commissioni giornaliere e i soliti imprevisti che non ti abbandonano mai… ci vorrebbe una valigia!

Ma la curiosità verso questo marchio e il suo fondatore, mi ha portato dritto alla mia nuova borsa e non ne sono affatto pentita.

La mia mini Polo Ralph Lauren è una borsa a tracolla, in pelle soffiano, con accessori in oro. Ho scelto un colore abbastanza particolare, il rosso.

Il rosso, infatti, è un colore che mi permetterà di vedere più chiaramente i dettagli della borsa, come la tintura e le rifiniture.

Negli ultimi tempi, inoltre, ho comprato diverse borse piccine e ho scoperto che abbinarle ad una borsa grande (quella che normalmente porto in ufficio) risulta estremamente funzionale: non solo ti permette di mantenere uno stile che a volte rischi di perdere tra bollette e supermercato, ma può essere utile in quelle giornate infinite che ti portano direttamente a cena fuori, senza passare per casa.

Vediamo i dettagli della mia borsa Polo Ralph Lauren:

  • Il confezionamento (il packaging) in cui è avvolta la mia borsa non è di mio gradimento: ci sono molti involucri e alcuni sono di plastica. Ma so che questa è una caratteristica dei prodotti importati, destinati ai “lunghi viaggi”.
  • All’interno trovo una flanellina logata: semplice e carina!
  • L’interno della mia borsa è strutturato come un portafoglio: ci sono scomparti per i documenti e per le carte di credito, oltre che la tasca per il cellulare. Tale struttura rende la borsa molto funzionale, da poter usare anche come una pochette. Tutto questo rende la mia Polo Ralph Lauren comoda e utile!
  • La tintura della borsa è ben fatta e diventa quasi un accessorio: la sua compattezza arriva dritto agli occhi, soprattutto sulle “costole” laterali, cioè i bordi della borsa. Anche la tracolla si presenta bene e “non gratta” sotto mano.
  • Le cuciture appaiono lineari e pulite: niente male!
  • Le rifiniture mostrano attenzione e cura per i dettagli, sebbene all’interno della borsa abbia trovato dei fili volanti inopportuni.
  • All’interno della borsa c’è un mini-opuscolo che mi informa sul tipo di pelle, sul modello della borsa e su altri dettagli del prodotto: la scelta di dare informazioni mi piace molto, anche se non ho trovato nessuna informazione sul luogo di produzione. Dove produce Ralph Lauren?

LA MIA BORSA POLO RALPH LAUREN È PROMOSSA?

La borsa che ho acquistato risponde a diversi parametri…tutti importanti, a mio avviso:

È una borsa “bella” perchè esteticamente impeccabile – È una borsa funzionale grazie a come è stata concepita e strutturata – È una borsa di tendenza, che racconta la storia trionfante di una grande azienda, e ne comunica l’eterna eleganza – il rapporto qualità/prezzo è soddisfacente, considerando lo studio che precede il prodotto e le tecniche di lavorazione.

In sostanza, la mia borsa Polo Ralph Lauren è pienamente promossa e te la consiglio.

VOTI(0/5)

CUCITURE 4
TINTURA 4
RIFINITURE 4
RAPPORTO QUALITÁ/PREZZO 4 1/2
UTILITÁ 5

GUARDA LA MIA RECENSIONE ALLA BORSA POLO RALPH LAUREN!

SE HAI UN’ALTRA BORSA DA CONSIGLIARMI >> SCRIVI QUI SOTTO!

GRAZIE PER IL TEMPO CHE MI HAI DEDICATO.

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *