BORSA BRANDINA, IL RACCONTO DELL’ ESTATE ITALIANA. LA MIA RECENSIONE

Ho comprato una Borsa Brandina The Original, l’accessorio super-estivo creato con lo stesso materiale dei Lettini da Mare. Da dove nasce l’idea? E quali sono le caratteristiche della mia nuova borsa?

Brandina è una storia che mi ha subito conquistata! Il punto di vista dell’ideatore, la sua creatività e lo studio del prodotto hanno fatto nascere una borsa esclusiva e unica nel suo genere.

Il fondatore del marchio è Marco Morosini, nato nel 1972 a Pesaro, e cresciuto nella campagna che disegna il confine tra la Romagna e le Marche. Qui passerà un’infanzia genuina, perdendosi nei panorami della natura e, poco dopo, nella passione per la fotografia.

Marco Morosini, che nel 2000 arriva a diventare direttore artistico dello studio di Olivero Toscani, dopo aver lavorato con No Frontiere design di Vienna e Fabrica, centro di ricerca sulla comunicazione del gruppo Benetton, non è solo un designer:  è fotografo, ideatore, comunicatore e tutto ciò che riguarda l’arte a portata d’occhio. Ho visitato il suo sito personale ed è stato incantevole perdermi nelle immagini, e nei loro dettagli. Nei colori, e nei loro contrari.

Nel 2004 Morosini pubblica, con Electa Mondadori, il suo Libro Fotografico sulla Riviera Romagnola, raccontando attraverso le immagini più di 50 anni di storia, abitudini e tendenze circa gli italiani e le loro adorate spiagge.

Ebbe l’idea, a tal proposito, di creare le sovracopertine dei libri con lo stesso materiale delle brandine, i tipici lettini da mare fatti in nylon e super-resistenti all’ambiente balneare.

Avendo conosciuto il tipo di materiale così da vicino, si rese conto delle sue potenzialità: era un materiale resistente e ultra-pratico; facile da pulire e fatto per la spiaggia. Per cui, era perfetto per creare accessori e borse in sintonia con la storia romagnola.

Una storia che inizia nel 1949, quando fu ideato il primo prototipo di lettino da mare: il telaio era in legno e il tessuto in cotone; in seguito, i modelli verranno perfezionati grazie al ferro e poi all’alluminio che sostituiranno la struttura in legno, e al nylon al posto del cotone. Il nylon che viene adoperato per le brandine è un materiale estremamente durevole, visto che la vita di un lettino da mare è di circa vent’anni.

E il marchio Brandina si propone, così, di valorizzare e di portare nel mondo la cultura balneare italiana, radicata negli anni del boom economico, quando gli italiani iniziarono a godere dei propri paesaggi e delle vacanze estive, fatte di relax e di sapore di mare.

Tuttavia, oltre il concept che il brand si porta dietro, ancor più originali sono le tecniche di ricerca e di lavoro.

Per ricerca, intendo la creazione dei colori e delle fantasie: mentre i modelli, infatti, si presentano semplici ed essenziali, le varietà cromatiche sono il frutto di un intenso lavoro creativo. Come ho letto sul sito ufficiale del marchio, le texture di Brandina sono realizzate partendo da un’opera d’arte, che sia fotografica o pittorica. Da qui, vengono estrapolati i colori che diventano la base cromatica delle grafiche degli accessori.

Tutto il lavoro creativo viene fatto al pc, modificando e ri-distribuendo i colori, per poi trasferirlo materialmente sull’accessorio finale, tramite il lavoro artigianale.

Senza dubbio, si tratta di procedimenti studiati e ben strutturati, i quali rappresentano in sostanza l’anima del prodotto. A mio parere, Brandina è un marchio che è riuscito a creare un’identità forte ed emancipata, che supera le regole della moda per narrare una storia collettiva. Una storia Made in Italy, proprio come la borsa che sto per presentarti!

Ti ricordo, cara amica e lettrice, che le mie Recensioni alle Borse non sono SPONSORIZZATE, cioè NON PRENDO SOLDI DA NESSUNO PER “PARLARE” DELLE BORSE CHE COMPRO.

Tutto ciò che leggi in questo blog (e che ascolti sul mio canale youtube) è frutto del mio parere spontaneo sui marchi e sulla loro storia. Perché proprio le Storie e le Persone sono l’anima del mio messaggio: intendo mostrarti tutto ciò che esiste dietro le borse che compriamo.

Intendo informarti di quanto lavoro e quanto coraggio esistono nel mondo della produzione.

Se lo faccio è soprattutto per renderti consapevole della Bellezza che esiste nella Filiera Legale, in contrapposizione al marcio del mercato illegale. Quello della Contraffazione.

Sono molti anni che mi batto contro la Contraffazione, e a favore degli artigiani e delle aziende oneste. Questa è la mia Lotta. E come tutte le Lotte che nascono dalla Passione, non ha prezzo.

Per cui, qui troverai solo Verità sulla produzione e nessun messaggio promozionale sulle borse. Ricordalo sempre!

Torniamo a Brandina.

Mi è capitato di passare accanto ad uno dei monomarca del brand e non ti nascondo che si tratta di veri e propri micro-mondi, fatti di tessuti colorati e divertenti, arredi originali uniti da un mood spensierato e dipinto dal mare.

Attualmente, sono diversi i monomarca Brandina in Italia, conosciuti come “BB – Botteghe Brandina”: Riccione, Pesaro, Cattolica, Rimini, Cesenatico. Mentre gli shop sono presenti in tutto lo Stivale, da Verona a Palermo, passando per Anacapri e Ischia. Anche all’estero possiamo trovare Brandina in diversi paesi importanti, dal Kwait, fino in Russia e in Francia.

Una particolarità del brand che mi ha colpito molto è la creazione del primo Long Stay House (by Brandina) per ospitare persone di tutto il mondo: si tratta di 9 esclusivi rifugi creati all’interno del Castello di Granarola, completamente ristrutturato e pensato per un momento fuori dal tempo. Ho dato un’occhiata alle foto e devo ammettere che passerei volentieri qualche giorno in quell’incanto!

Ci siamo! È arrivato il momento di vedere da vicino la mia borsa Brandina!

BORSA BRANDINA: ECCO IL MODELLO CHE HO SCELTO!

borsa brandina

La Borsa Brandina che ho scelto è un modello Grand Hotel Village Cattolica Pianosa, realizzata per celebrare i dieci anni della Bottega Brandina di Cattolica e la Città stessa, la quale è una delle tappe centrali non solo della storia del brand, ma della storia dell’estate italiana.

Ho comprato la mia borsa sul sito e mi è arrivata in pochissimi giorni: l’ho pagata 99 euro.

Una delle caratteristiche principali della mia borsa è proprio lo stemma di Cattolica stampato sulla facciata, discreto e ben rappresentativo di una “serie limitata”.

borsa brandina

Vediamo i DETTAGLI DELLA MIA BORSA BRANDINA:

  • Il packaging mi piace molto: all’interno della scatola, ho trovato una sorta di “lettera”, che richiama i colori del brand, e al suo interno un depliant con i prodotti del marchio, più un biglietto che mi ringrazia dell’acquisto.
  • Anche la flanellina è molto originale, grazie soprattutto ad un cuore colorato che la chiude: un accessorio molto carino!

borsa brandina

  • Il tessuto, sotto mano, si presenta molto resistente: sono curiosa di vedere come risponde all’uso in spiaggia! E se gli accessori della borsa sono stati studiati per resistere all’impatto con l’acqua marina.
  • La borsa non è leggera come pensavo, ma questo deriva dal fatto che il materiale è solido e consistente.
  • Molto originale è l’occhiello laterale che trovo sulla borsa: si tratta della classica “cordicella” con il cerchio finale che troviamo dietro agli schienali dei lettini da mare, e che serve per “abbassarli”: applicato alla borsa è davvero figo!
  • All’interno, trovo una pochette molto utile che si stacca dalla borsa, grazie ai bottoni posteriori. Sappiamo che in spiaggia serve sempre una borsa più piccola, da poter portare al bar, per riporre gli oggetti più delicati, come il cellulare e il portafogli. Staccata la pochette, la borsa si presenta completamente vuota e abbastanza capiente.

borsa brandina

  • All’interno, inoltre, trovo la scritta Made in Italy: a mio parere, questo non guasta mai! È sempre meglio sottolineare la manifattura del prodotto, quando rappresenta un punto importante della sua storia.

borsa brandina

  • Per quanto riguarda i dettagli (le rifiniture), ho trovato alcuni pelucchi qui e lì, ma nascono senza dubbio dal tipo di materiale.

BORSA BRANDINA: È PROMOSSA?

La Borsa Brandina oltre ad avere una Storia, è creata per Raccontarne un’altra. Quella delle estati italiane, della nostra cultura balneare e dei suoi Luoghi.

E lo fa con uno studio profondo, fatto di colori, contrasti, dettagli, asimmetrie e vivacità.

Senza dubbio la mia borsa Brandina The Original è promossa!

La narrazione grafica degli anni ’60, l’uso alternativo dei materiali, e la volontà di portare un pezzo del Paese nel mondo, rappresentano bene l’animo del Made in Italy, sempre pronto a ricrearsi e ad osare.

Il Made in Italy è qualcosa da cui, pur volendo, non posso svincolarmi: non è solo una passione, fatta di ricerca e nuovi acquisti, ma è IL MIO LAVORO.

Nel cuore della Pelletteria napoletana, PRODUCO BORSE DI PELLE MADE IN ITALY conto terzi, collaborando con alcuni marchi del lusso.

borsa brandina
MIO MARITO E MIA MADRE “A LAVORO”

Nonostante tutte le avversità e i punti critici dei nostri comparti produttivi, in cuor mio so che la nostra scuola artigianale è immortale. Destinata ad evolversi e a riscrivere un nuovo messaggio. Quello che parla di Eccellenza.

Non smettere mai di interessarti ai retroscena della Produzione e alle Storie dietro i prodotti che compri!

Ogni tuo acquisto originale, è un’arma importante contro il Mercato del Falso!

VOTI

CUCITURE 4
TINTURA ASSENTE
RIFINITURE 4 1/2
RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO 4 1/2
UTILITÀ 4 1/2

GUARDA IL VIDEO DELLA MIA RECENSIONE ALLA BORSA BRANDINA!

SCRIVI QUI SOTTO PER CONSIGLIARMI UN’ALTRA BORSA E UN’ALTRA STORIA!

GRAZIE PER IL TEMPO CHE MI HAI DEDICATO.

BORSA BRANDINA

LEGGI ANCHE:

BORSA VALENTINO: UNA STORIA NAPOLETANA. LA MIA RECENSIONE 

BORSA FOSSIL: DAGLI OROLOGI AGLI ACCESSORI. COSA NE PENSO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *